LA NOSTRA GUIDA AI DIAMANTI

Scopriamo le “4C”

 

 

Bellissimi, scintillanti e desideratissimi. Ogni Diamante è unico e, come le impronte digitali, presenta delle peculiarità uniche che vengono classificate mediante le famose 4 C . Vediamo nel dettaglio queste caratteristiche e come vengono descritte dalle 4 C : Cut, Clarity, Carat, Color.

Clarity

 

Con la Purezza definiamo il grado di inclusioni presenti all’interno di un Diamante. Le inclusioni rappresentano, gemmologicamente parlando, i difetti interni visibili con una lente a 10X o imperfezioni esterne. Ad esempio un Diamante che non presenta inclusioni e imperfezioni esterne visibili a 10X è da considerarsi puro.

Per determinare la Purezza utilizziamo la seguente scala di riferimento :

IF – Nessuna inclusione visibile con ingrandimento 10x

VVS – Inclusioni così leggere che sono difficili da vedere per un selezionatore esperto con ingrandimento 10x

VS – Le inclusioni vengono osservate con uno sforzo con ingrandimento di 10x, ma possono essere caratterizzate come minori

SI – Le inclusioni sono evidenti con ingrandimento 10x

I – Le inclusioni sono evidenti con un ingrandimento di 10x che può influire sulla trasparenza e la brillantezza

Da questi gradi di Purezza è bene far notare che si utilizzano anche dei sottogradi, ad esempio SI1 – SI2 oppure VVS1 o VVS2. Tutto ciò per deteminare, sempre nello stesso grado un livello di inclusione maggiore o minore.

Taglio

 

Il fattore più importante nel mondo dei Diamanti : il Taglio. Questo elemento risulta essere così importante perchè si definisce, con il suo giudizio, la reazione delle faccette con la luce. L’obiettivo quindi è quello di massimizzare altri fattori come la Simmetria, le Proporzioni e la Lucidatura per avere una luminosità tale da rendere il Diamante il più brillante possibile.

Colore

 

Così come per gli altri parametri anche il Colore, che definisce la tonalità naturale del Diamante incolore, viene definito mediante una scala di riferimento. Per questo parametro si utilizza una scala, di colore appunto, definita dalla lettera D ( primo colore di riferimento per l’incolore) fino alla lettera Z.

D-E-F:  Incolore
G-H-I-J: Quasi incolore
K-L-M: Giallo pallido
N-O-P-Q-R: Giallo molto chiaro
S-T-U-W-V-X-Y-Z : Giallo
> Z : Fancy Color

Carati (Misura)

Il Carato definisce il peso di un Diamante. È un’unità di misura antichissima e corrisponde ad un quinto del grammo. Per rendere l’idea un Diamante da un carato pesa circa 0.2 grammi, quindi per un solo grammo occorrono 5 carati. È importante tener presente che il prezzo del Diamante non incrementa in maniera matematica in rapporto al suo peso, ad esempio un diamante da 4 carati non costerà il doppio rispetto ad un diamante da 2 carati, a parità di taglio, colore e purezza ma costerà, per ovvi motivi, molto di più.